La storia dell'Albergo Bianchi Stazione
Anno 1972, il 15 Maggio Enrico e Francesco Bianchi diventavano albergatori assegnando il loro Cognome allo storico “Albergo Bracchi” di fronte alla stazione ferroviaria di Mantova.

Quando le bombe d’aereo della seconda guerra mondiale infierirono sulla storica palazzina, risalente al XV° secolo, che fu convento delle terzine di San Francesco, i Bracchi avevano subito ricostruito l’albergo, classificato allora di prima categoria, perché ognuna delle 21 camere esistenti aveva il riscaldamento ed acqua calda e fredda. Ma a quei tempi si riteneva potesse bastare un bagno solo per piano.

Avviandosi con la nuova attività la Famiglia Bianchi diede subito una prima impronta alla struttura con un primo restyling/ampliamento, al quale ne sarebbero poi seguiti un secondo ed un terzo con il passare degli anni.
Nel 1985 le camere dell’Albergo Bianchi Stazione erano diventate 30 e nel 1989 salirono a 53, naturalmente adeguate alla domanda di servizi ed allo stile dei tempi: bagno privato, TV, telefono, aria condizionata.

Successivamente vennero acquisiti nuovi spazi (parte di un fabbricato interno) dai quali si ottenne l’allargamento del giardino interno esistente, una nuova ed ampia sala meeting/breakfast, oltre all’ampliamento della hall ed un ulteriore garage interno.

Attualmente l’Albergo Bianchi ha una capacità ricettiva di circa di cento persone. Le continue migliorie apportate nel tempo sono sempre state pensate in funzione del cliente per offrire semplicemente “il meglio”.
Servizi particolari
Personale qualificato e multilingue sarà a vostra disposizione per fornirvi materiale turistico e utili indicazioni per visitare la nostra splendida città e la sua provincia.

Rivolgetevi con fiducia alla reception per prenotare o anche solo per farvi consigliare su dove mangiare nelle caratteristiche trattorie mantovane.
Servizio di spedizione posta ordinaria.
Il giardino
Rilassatevi nei momenti di pausa all’interno del nostro tranquillo giardino privato, dove apprezzerete immediatamente, le atmosfere, i suoni, i colori, di un angolo di natura, immersa nel centro storico di Mantova.